Image13

Vino

Valori nutrizionali per 100 gr di vino rosso 85 kcal.

La Sicilia è stata da sempre il cuore della civiltà mediterranea e quindi brama, con tutta se stessa, il riconoscimento di “terra della vite e dell’ulivo”, che dall’antichità rende attuali le leggende secondo cui la vite germogliò per la prima volta nell’Isola dalle lacrime di Dionisio assetato. Nacque così il vino, nettare degli dei, donato agli uomini per confortare le loro fatiche allietare i loro sensi. A tramandare l’antica vocazione per la coltura della vite, furono i coloni greci, giunti a Naxos, che per primi si dedicarono alla cultura della vite, dando inizio alla produzione dei vini siciliani. I Fenici, abili navigatori e mercanti di razza, fecero dei vini siciliani uno dei prodotti più importanti per gli scambi commerciali di quell’epoca. Il Marsala ed il Moscato , prodotti nelle storiche Cantine Siciliane, ne sono ancora oggi testimonianza. In Sicilia, infatti, l’uva rappresenta una delle risorse di maggior rilievo, per qualità e quantità: la sua coltivazione sta rendendo l’isola famosa in tutto il mondo.

Ad esempio oggi, il Nero d’Avola è, senza dubbio, il vino da tavola siciliano più conosciuto e apprezzato a livello mondiale, definito “Il principe dei vini siciliani” e uno dei migliori vini italiani. Il territorio Siciliano è celebrato per la produzione di ottimi vini di straordinaria ed indiscussa qualità, frutto di una cultura antica quanto la civiltà.

Passiti, moscati e malvasie. Ma anche Nero d’Avola, Cerasuolo di Vittoria, Nerello mascalese, Inzolia, alcuni tra i famosi vini siciliani. Con i vitigni alloctoni (Chardonnay, Cabernet, Syrah, Merlot), la Sicilia mostra una particolare predisposizione della terra a produrre questi tipi di “uve”. E’ ovvio che l’esponente di spicco, tra i vini autoctoni, è il Nero d’Avola, il cui sviluppo e diffusione sono in continua crescita. Grazie alla fama di questo fantastico vino rosso, la Sicilia sta acquistando sempre più rispetto nel mondo degli specialisti di vino.

La Sicilia, per condizioni climatiche, temperatura mite, terre collinose, leggera brezza di mare e sole acceso, manifesta qualità che risultano ideali per la crescita della “vite” e la rendono, senza dubbio alcuno, l’isola del vino.